liberamidalpassato
Tutti abbiamo un motivo per il quale vale la pena alzarsi la mattina. Per lei, per esempio, è il suo ragazzo. Per lui, è la sua ragazza.
Il mio, è dover andare a fare la pipì.

Gliocchituoiparlano (via gliocchituoiparlano)

sbaaaamm.

(via anothertearintherain)

Ma quanto ti stimo

(via abbandonatadaldestino)

Ahahhahahahah

(via onlyadisaster)

HAHAHAAHAHA.

(via fuoriangelodentrodiavolo)

HAHAAHHAAHAA

(via michelemarco)

Mi associo ahahahah.

(via lividisulcuore)

Sono io ahahahah

(via pungentecomeunape)

😂👍

(via quei221kmchecidividono)

io ho fame di solito AHAHAHAH

(via since29april)

rido

(via esefossiapatica)

AHAHAHAHHAHA muoio.

(via sono-un-incompresa)

AHAHAHAHAHAHAHAHAH

(via il-male-che-ho-dentro)

Ahahahaahahaha!!

(via tuseiilamiapersona)

Il mio mangiare la nutella.

(via liberamidalpassato)
scelgounastellaoscelgote

Anonimo asked:

Ti va di raccontare la tua prima volta ?

ricordounbacio answered:

Eravamo nel mio letto ed era il 2 Agosto del 2011.

Lei: Capelli castani, occhi verde smeraldo, poche lentiggini nella parte superiore del naso, labbra fine, un terza di seno e magra.

Eravamo nel mio letto ed era il 2 Agosto del 2011.

Era la prima volta per tutti e due, nessuno dei due sapeva come sarebbe funzionasse o da dove si iniziasse, nessuno dei due sapeva cosa sarebbe successo o come sarebbe stato.

Mi ricordo che la guardai, le chiesi se fosse sicura e pronta, lei annui ed entrai.

Eravamo diventati un tutt’uno, ma eravamo sempre noi.

Lei chiuse gli occhi, alzò il collo e fece un grugnito, come se fosse stato di dolore, con la bocca, appena entrai del tutto lei spalancò gli occhi e la bocca.

Le chiesi se andasse tutto bene, lei mi guardò, senza dire una parola, mi baciò e annuì con la testa.

Non sapevo come funzionasse, sentivo che lei continuava a respirarmi sull’orecchio e io facevo lo stesso sul suo.

Stavamo perdendo la verginità, insieme.

Durò circa diciassette minuti, nessuno dei due venne, ma entrambi eravamo ingenui e felici, se cosi vogliamo definirlo.

Rimanemmo insieme per un anno e mezzo, finchè un giorno successe che smettemmo di amarci e decidemmo di finirla.

Era il 17 gennaio del 2013.

Passarono solo cinque giorni quando decisi di tornare da lei, andai sotto casa sua con un mazzo di rose, una bianca, una viola e una rossa, per chiederle di tornare con me.

Mi mancava qualcosa, non lei, ma lo stare con lei o forse i suoi occhi.

Arrivai davanti a casa sua, mi inginocchiai in mezzo alla strada, le chiesi se volesse tornare con me, ma rispose dicendomi che era già andata a letto con un altro e che non le interessavo più, ma io, l’amavo ancora.